Sinistra Anticapitalista: appoggio critico (e selettivo) alla Lista Tsipras

da SINISTRA ANTICAPITALISTA

1. La scadenza delle elezioni europee costituisce un momento politico di grande rilevanza per tutti i paesi del continente e per l’Italia. Dopo anni di crisi e di violente politiche austerità, il voto, pur nella sua forma particolare e distorta rispetto alla complessità della realtà sociale, mostrerà le grandi tendenze in atto, gli effetti politici prodotti dalla crisi sociale e le ripercussioni sui livelli di coscienza delle classi lavoratrici e popolari. La possibile non partecipazione al voto di larghi settori di massa rappresenterà in ogni caso un segnale, una forma specifica di espressione politica.

2. I risultati del voto influenzeranno le dinamiche e gli orientamenti tattici delle forze politiche dominanti, fermo restando il quadro strategico dato, cioè l’offensiva della borghesia contro le classi lavoratrici e le politiche dell’austerità che la realizzano.

3. Il rigetto delle politiche dell’Unione Europea e delle sue istituzioni da parte di larghi settori di massa di fronte ad una sempre maggiore consapevolezza sulla drammaticità della situazione e sulla totale incertezza del futuro, in mancanza di una risposta adeguata delle organizzazioni sindacali e della sinistra, spinge settori popolari alla deriva verso forze populiste di destra e/o direttamente fasciste. La consistenza, la presenza elettorale e l’organizzazione delle forze della destra e della destra estrema in diversi paesi, le potenzialità che queste possono avere in altri, testimonia di un pericolo forte, strettamente connesso con la debolezza della sinistra e dei movimenti sociali nella costruzione di una valida e credibile alternativa alle politiche economiche e sociali delle classi dominanti europee.

4. Decisivo in questo contesto è quindi costruire le resistenze delle lavoratrici e dei lavoratori contro l’attacco delle forze governative e padronali che colpisce ormai tutti gli aspetti della loro vita: l’occupazione, il salario, i diritti del lavoro, lo stato sociale, i servizi sociali anche quelli più fondamentali come la sanità e la scuola, gli stessi diritti democratici e le forme della democrazia borghese, quale si era consolidata nel continente dopo la tragedia della seconda guerra mondiale. Una posizione di rigetto dell’austerità, dei vincoli, dei trattati e delle istituzioni antidemocratiche di Bruxelles, di denuncia dei disegni e degli obiettivi padronali, di rifiuto conseguente di ogni alleanza con le forze social-liberiste del PSE nella gestione della crisi, di indicazione della solidarietà e dell’unità delle classi lavoratrici contro il comune nemico, si misura in primo luogo sul terreno sociale, nel sostegno alle lotte e nel rapporto materiale tra le lavoratrici e i lavoratori al di là delle frontiere.

5. La scadenza politica elettorale, proprio ed anche perché si manifestano forti lacerazioni e tendenze centrifughe, avrà una valenza continentale ponendosi all’attenzione delle popolazioni e delle classi lavoratrici; per questo non può essere considerata secondaria dalle forze anticapitaliste che devono provare ad usarle, se ne hanno la forza organizzativa, nelle forme tattiche utili alla loro costruzione e a quella del movimento. Sarebbe negativo se sull’arena elettorale si confrontassero ed avessero spazio e credibilità, solo le opzioni “ufficiali” della borghesia e quelle che in diverse forme ripropongono una soluzione “nazionale”.

6. Le prime puntano alla difesa dei contenuti economici e politici espressi nei trattati europei e alla conseguente modifica storica dei rapporti di forza tra le classi, anche se mascherati da ipocriti discorsi “europeisti”. Sono posizioni che hanno il convinto supporto di tutte le forze della “sinistra” moderata al di là delle vacue richieste di qualche modesta iniezione di misure sociali che comunque non metta in discussione le scelte neoliberiste di fondo. L’altra opzione indica un ripiegamento sul vecchio modello nazionale, del tutto coerente con l’ispirazione reazionaria di alcune delle forze che la sostengono e su cui puntano a costruire la loro egemonia le forze fasciste e di estrema destra.

7. Un’opzione ancora diversa è rappresentata in Italia dalla proposta del Movimento 5 Stelle, costruitosi attorno alla grande ondata di “antipolitica” prodottasi nel corso degli ultimi anni. Sul terreno europeo il M5S oscilla tra una posizione di ripiegamento “nazionale” e la consapevolezza che, in questa opzione, l’egemonia a livello continentale non potrebbe che essere nelle mani delle forze più reazionarie. Le ambiguità politiche e, soprattutto, il carattere aclassista del suo gruppo dirigente non consentono al M5S di individuare e adottare una posizione più chiara, legata alle contraddizioni sociali e internazionalista.

8. Le correnti di sinistra anche radicale che vedono una soluzione nell’arroccamento nazionale nutrono pericolose illusioni sulla possibilità che in un quadro diverso e più ristretto possano riproporsi politiche espansive e neokeynesiane e su una possibile convergenza con settori della borghesia nazionale nella speranza di riconquistare le posizioni perdute. Puntano alla impossibile salvezza del proprio proletariato “nazionale” e impediscono obiettivamente ogni azione di unità e di convergenza tra le classi lavoratrici dei vari paesi del continente. Si tratta dunque di un’opzione non solo sbagliata ma che, in ogni caso, sarà perdente di fronte alla offensiva delle forze di destra.

9. Per queste ragioni abbiamo proposto e lavorato perché anche nel nostro paese fosse presente nelle elezioni un voce anticapitalista e che in ogni caso si realizzasse una lista capace di avanzare un programma politico di netto rigetto delle politiche di austerità, di difesa delle classi lavoratrici e dei movimenti sociali e che respingesse da una parte i progetti neoliberisti e antipopolari delle attuali istituzioni europee, dall’altra ogni idea obiettivamente arretrata e egualmente pericolosa di ripiegamento nazionalista. Per questo, tra l’altro, sosteniamo il percorso e le scelte del NPA-Nuovo Partito anticapitalista in Francia e di Izquierda anticapitalista in Spagna, nonché il fondamentale lavoro dei compagni di DEA (Sinistra operaia internazionalista) e della Piattaforma di sinistra in Syriza in Grecia.

10. Purtroppo in Europa non è presente un sufficiente livello di azione coordinata e convergente delle forze anticapitaliste peraltro esistenti in quasi tutti i paesi dell’UE. L’obiettivo di costruire e consolidare la convergenza tra queste forze resta tutto da realizzare e l’occasione delle elezioni europee 2014 poteva essere un’occasione da sfruttare. Ma così non è stato. Tutto ciò lascia uno spazio grande e immeritato a quelle forze ambigue che, nell’ambito del GUE e della Sinistra Europea praticano una politica a metà strada tra l’alternativa e la interlocuzione con il PSE e con i social-liberisti.

11. In Italia il percorso di costruzione della Lista Tsipras, proprio perché si basa sul rifiuto delle politiche liberiste attuate dalle istituzioni europee e si mantiene all’interno di una ispirazione internazionalista (anche grazie al riferimento alle battaglie politiche di Syriza in Grecia), ha incontrato un’eco relativamente importante e ha suscitato speranze positive su una scelta chiaramente diversa da quelle delle maggiori forze in campo. Tuttavia il risultato finale si è materializzato in una coalizione e in un profilo politico che presentano parecchie contraddizioni, ambiguità ed incertezze programmatiche. In primo luogo dobbiamo segnalare che esso non corrisponde a quanto sarebbe obiettivamente necessario per contrastare l’avversario di classe, cioè l’affermarsi di una proposta strategica coerente e anticapitalista. In secondo luogo all’interno della lista si esprimono un ventaglio di posizioni che oscillano tra un orientamento politico alternativo basato sulla democrazia e sull’umanesimo e che propone una linea di modifica degli assetti europei caratterizzata da una forte spinta riformista neokeynesiana con parecchie illusioni sulla sua realizzabilità e altre che si collocano apertamente sul terreno moderato della pura riforma degli attuali assetti capitalistici europei e del condizionamento delle forze social-liberiste del PSE. Queste ultime sono ben espresse dal ruolo assunto da una serie di capilista, da intellettuali di una certa area politica “riformista”, da SEL e dal suo leader Vendola, che si è inventato la formula della “terra di mezzo” tra Schulz e Tsipras; questa idea rappresenta con nettezza il rapporto che questo orientamento vuole costruire con le socialdemocrazie e l’utilizzo della lista a fini di condizionamento e di spazio politico da conquistare. Anche sul piano del metodo non condividiamo la scelta di affidare a pochissimi (autonominatisi “garanti”) il compito di comporre le liste operando scelte non sempre trasparenti. Proprio per tutti questi motivi Sinistra Anticapitalista ha deciso di non far parte della Lista Tsipras e di non proporre proprie/i candidate/i al momento della formazione delle liste.

12. Ma altrettanto non ci sfugge che questa lista si colloca in mezzo a un deserto politico e può apparire una posizione alternativa e di sinistra e che come tale può essere considerata utile da settori significativi di lavoratori e di militanti dei movimenti sociali. Inoltre sono candidati nelle liste alcune compagne e compagni che hanno espresso nei movimenti e nelle battaglie politiche posizioni radicali ed anticapitaliste. Per queste ragioni, pur avendo presenti le contraddizioni espressamente richiamate, riteniamo utile avanzare una indicazione mirata, cioè di proporre un voto su quelle/quei candidate/i, della lista che, per il loro agire politico, esprimono con coerenza un orientamento anticapitalista e di forte internità ai movimenti di contrasto alle politiche liberiste, che sono sempre stati in prima fila nei movimenti di lotta contro le politiche capitaliste dei governi e dei padroni. Tra queste/i segnaliamo in particolare la compagna Nicoletta Dosio della Val Susa, che da sempre ha fatto questa scelta politica e di militanza.

13. Sinistra Anticapitalista, sta già sviluppando una sua specifica campagna elettorale europea, con un’impostazione di fondo anticapitalista e internazionalista, incentrata sull’opposizione alle politiche dell’austerità, contro l’Europa del Fiscal compact, per l’unità delle lotte delle lavoratrici dei lavoratori; è da queste lotte, dalle crisi sociali e politiche che si produrranno, dalla rimessa in discussione degli assetti istituzionali capitalisti europei, espressi nell’UE, che si porranno le condizioni e i rapporti di forza politici e sociali per la costruzione di un’altra Europa. Continueremo in questa campagna nelle prossime settimane mettendo l’accento e l’attenzione sulla costruzione di una mobilitazione concreta contro le misure del nuovo inverecondo governo Renzi e contro i ricatti delle politiche dell’Unione europea: decisiva, infatti, nello scontro sociale in atto sarà, come sempre, la capacità di lotta per i propri obiettivi della classe lavoratrice, sconfiggendo anche le subalternità e le complicità delle burocrazie sindacali alle scelte padronali. In questa sede ricordiamo solo i temi principali di agitazione e di iniziativa sociale che hanno valenza europea e sui quali bisogna ricercare il coordinamento e l’unità d’azione delle masse lavoratrici e dei settori che si mobilitano:

la battaglia per l’occupazione attraverso la proposta di una riduzione dell’orario a parità di salario in tutti i paesi;

l’obiettivo di un salario minimo europeo rapportato alle condizioni concrete delle singole economie;

la difesa ad oltranza dei servizi pubblici, a partire dalla sanità e dalla scuola costruendo il coordinamento delle lotte che già si manifestano su scala nazionale;

il rigetto del debito e del ricatto che su di esso è stato costruito per determinare un flusso continuo di risorse dal basso verso l’alto;

la nazionalizzazione delle banche come strumento indispensabile per affrontare la crisi finanziaria e garantire il finanziamento per un nuovo forte intervento pubblico dello stato;

la battaglia per la difesa dei diritti democratici e del lavoro, a partire dalla lotta contro l’accordo del 10 gennaio.

I nostri circoli saranno dunque impegnati in una forte campagna di agitazione e di propaganda su questi temi ed organizzeranno tutte le iniziative pubbliche necessarie per dare la maggior forza alle nostre proposte alternative. In questo quadro parteciperemo attivamente all’organizzazione della manifestazione che le forze politiche anticapitaliste, il sindacalismo di classe e diversi movimenti sociali stanno organizzando per il 12 aprile a Roma contro le politiche dell’austerità. Il 12 e 13 aprile sono anche le due giornate di mobilitazione che in Francia sono state indette dal Front de Gauche e dall’NPA sulla base di un piattaforma comune contro il neofascismo del FN di Marine Le Pen e contro il durissimo patto dell’austerità che il governo “socialista” di Hollande ha concordato con la Confindustria francese e con alcuni sindacati “complici”. Sono giornate che possono vedere una rinnovata iniziativa internazionalista della sinistra di classe in Francia e in Italia in stretto rapporto con le lotte che si manifestano in tutta Europa a partire naturalmente dalla Grecia.

14. E’ in questa ottica e in questo spirito che domenica 13 aprile Sinistra Anticapitalista organizzerà a Roma un meeting anticapitalista e internazionalista con la partecipazione di compagni francesi, greci e dello Stato spagnolo e a cui invitiamo a partecipare non solo i nostri militanti e simpatizzanti ma tutte/i coloro che condividono queste nostre proposte politiche.

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...