Educare al socialismo

di LEONARDO MARZORATI

Educare al socialismo deve essere uno degli obiettivi primari delle forze popolari e democratiche che si battono per esso. Il socialismo è il fine e la propaganda è il mezzo. Scrivo di un’impresa titanica, ardua e ai limiti dell’impossibilità, in una società ormai piegata al consumismo, all’apparenza e all’individualismo.

Credere nel socialismo oggi non significa essere settari. Lo si può anche essere, ma avere un ideale che verrà inevitabilmente bollato come anacronistico dalle forze ora maggioritarie, sia di destra sia di sinistra, non vuol dire chiudersi in uno stanzino a dibattere, autocompiacendosi, di massimi sistemi. Educare al socialismo vuol dire informare ed elevare il cittadino alla lotta per una società migliore in cui le diseguaglianze, in primis quelle sociali, ma anche quelle culturali, quelle economiche e perfino quelle biologiche, siano radicalmente ridotte.

Il socialismo è il superamento dello sfruttamento, che divide la società contemporanea in tanti livelli di sfruttatori e in tanti livelli di sfruttati. Come cantavano i 99 Posse, il nemico è passato dall’essere il padrone e il Capitale al più povero e così all’infinito. Proprio per questo occorre EDUCARE.

Farsi sentire nei luoghi dove lo scontro sociale è in atto, specie se tra due categorie di "sfruttati" è fondamentale, anche a costo di beccarsi incomprensioni, insulti e perfino minacce.

I fatti di Torre Maura a Roma sono lì a ricordarcelo. Serve educazione o forse addirittura rieducazione, per recuperare uno spirito solidale perso. Mentre tale Mario Lavia, esponente del PD e vicedirettore della testata "Democratica", tramite social insulta i cittadini romani scesi in piazza per dire NO alla presenza di 70 rom in uno stabile del quartiere, i fascisti di Forza Nuova sfruttano il malcontento per ottenere visibilità e ulteriore rabbia. Ridicolo è l’esponente del PD, come sono ridicoli i fascisti, benché questi molto più pericolosi, seppur marginali. Alcune donne del quartiere hanno insultato da fuori lo stabile i rom, chiedendo agli uomini presenti nel cortiletto di portar fuori le loro donne, per un regolamento di conti al femminile. Davanti al degrado sociale e culturale non ci si deve chiudere nella propria "bolla", convinti della propria superiorità culturale di fronte alla "feccia" (romana o rom che sia). Si deve educare o rieducare al socialismo. Tutti, ed è qui la montagna da scalare.

Vanno rieducati i rom alla civile convivenza (sono cittadini italiani o europei e come tali sono spettanti di diritti e doveri); vanno rieducati quei cittadini che hanno sfogato la loro frustrazione di abitanti delle periferie abbandonate; vanno rieducati i fascisti, anche con metodi non propriamente cristiani, come sperimentato in diversi regimi di socialismo reale nel corso della storia; vanno rieducati i progressisti che preferiscono giudicare a debita distanza, convinti di essere dalla parte del Bene. Il loro "Bene" è quello che ha governato l’Italia, le sue Regioni e sue Città; quello che ha permesso a diverse periferie di trasformarsi in quartieri dormitorio, senza strutture culturali, senza socialità e comunitarismo.

Non ci si deve rassegnare. Ci vorranno parecchi anni, ma è indispensabile che chi lotta per il bene comune, per l’uguaglianza e per l’abbattimento degli steccati economico-sociali si impegni a sostenere quelle poche forze politiche sinceramente schierate in questa battaglia. Ascoltare, capire e proporre soluzioni, combattendo al tempo stesso le forze avverse al socialismo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...