Per la rinascita del socialismo

di LUCA BAGATIN

Leggo sempre con interesse gli editoriali del direttore di Pensalibero.it Nicola Cariglia che, da oltre dieci anni, propone e sostiene il progetto di riunificazione socialista, anche se non li ho mai condivisi. Come ebbi modo credo già una decina di anni fa di dirgli, il socialismo italiano per come lo abbiamo conosciuto, è morto con la fine del PSI di Bettino Craxi. Da allora, peraltro, il socialismo europeo ha subito via via una mutazione in senso globalista e liberal capitalista che lo ha portato ad abbracciare in toto, attraverso i vari Blair e seguaci della cosiddetta “Terza Via”, il capitalismo assoluto, foriero di diseguaglianze sociali, oltre che di totale perdita di sovranità degli Stati ed incoraggiamento di guerre di vera e propria occupazione (dall’Iraq alla Libia sino alla Siria, Paesi peraltro a guida laica e socialista). In questo senso, ogni possibile rinascita del socialismo autentico ed originario non può che passare attraverso una radicale critica del sistema dominante, attraverso una radicale critica del socialismo europeo, oltre che attraverso una radicale critica della sinistra cosmopolita, liberale, progressista e capitalista.

Innanzitutto la differenza abissale fra la sinistra ed il socialismo, in linea con quanto affermato dal filosofo orwelliano francese Jean-Claude Michéa. Coloro i quali si rifanno alla sinistra, sono infatti completamente estranei agli ideali sociali, socialisti, popolari e populisti portati avanti dai propugnatori della Prima Internazionale dei Lavoratori del 1864 e questo per il fatto che, mentre i socialisti, gli anarchici, i mazziniani ed i garibaldini della Prima Internazionale erano persone provenienti dalle file del popolo e proponevano riforme sociali che andavano sostanzialmente a superare il sistema capitalistico-borghese, le sinistre europee e le liberal-social-burocrazie progressiste non fanno che perpetrare politiche di deregolamentazione dei mercati, politiche precarieggianti, cosmopolitico-immigrazioniste e di sfruttamento della manodopera a basso costo. Lo notiamo da tutte le politiche portate avanti in questi anni dal PD, ma anche dai vari e già citati Blair, Hollande and company: privatizzazioni selvagge; austerità; flessibilità del lavoro attraverso i vari Jobs Act e Loi Travail; rafforzamento delle élite e conseguente perdita di sovranità popolare; apertura indiscriminata delle frontiere e conseguente sfruttamento della manodopera straniera a basso costo; rafforzamento delle istituzioni europee a scapito delle diversità di ogni nazione e dei rispettivi popoli; politica estera invasiva nei confronti di Stati sovrani – che peraltro ha favorito il terrorismo internazionale come nel caso libico (ciò vale in particolare per la Gran Bretagna di Blair – colpevole peraltro di aver mentito al suo stesso popolo nella faccenda delle armi di distruzioni di massa in Iraq rivelatisi inesistenti – e per la Francia di Sarkozy e Hollande, rea non solo di aver barbaramente fatto uccidere Gheddafi, ma anche di sostenere Paesi legati al terrorismo come l’Arabia Saudita e di aver tentato di rovesciare il governo laico siriano di Assad).

Il socialismo, diversamente, da Pierre Leroux, Marx, Engels, Proudhon, Garibaldi, sino a Craxi, Hugo Chavez e Pepe Mujica, è altra cosa. Mentre infatti in Europa ha trionfato il capitalismo assoluto, sostenuto dalla sinistra borghese pur contrastata da partiti quali il Front National di Marine Le Pen, La France Insoumise di Jean-Luc Mélenchon, dal laburista britannico Corbyn e dallo spagnolo Podemos, in America Latina abbiamo assistito ad un fenomeno opposto. Ovvero abbiamo assistito al trionfo del Socialismo del XXI secolo, portato avanti da Chavez, Morales, i coniugi Kirchner, Mujica, Correa, Lula e Ortega. Forme differenti di socialismo fondate purtuttavia su una radice comune, ovvero la matrice latina, con influenze indios ed arcaiche, ma anche cristiane, garibaldine, sandiniste, proudhoniane e libertarie. Un socialismo che ha emancipato popoli per secoli sfruttati dal colonialismo e dal neo-colonialismo.

Il socialismo è dunque populismo autentico ed originario, se rammentiamo che il movimento populista russo è sorto alla metà del XIX secolo a tutela e per l’emancipazione dei contadini e dei servi della gleba sulla base di un programma socialista e comunitario. Ispiratosi al populismo russo sorgerà non a caso, sul finire dell’800, negli Stati Uniti d’America, il Populist Party, ovvero il Partito del Popolo, a rappresentanza delle classi contadine, operaie e meno abbienti, che proponeva la nazionalizzazione dei mezzi di comunicazione, l’elezione popolare diretta ed era in generale ostile alle élites ed al sistema bancario. Ecco che invece oggi, grazie al Ministero della Verità liberal-capitalista, il termine “populista” ha acquisito una ingiusta valenza negativa. Quando invece non è altro che socialismo allo stato puro.

Non a caso, come ha rilevato il filosofo francese Alain De Benoist più volte, scrivendoci addirittura un saggio che sarà mia cura prossimamente recensire essendo da poco stato edito in Italia dalla Arianna Editrice, quello che viviamo si profila quale il momento populista, ovvero la crisi dell’ideologia liberal-capitalista, ormai percepita dai cittadini come totalitaria e totalizzante, e la crisi della democrazia cosiddetta rappresentativa, laddove i cittadini, che non si riconoscono più negli speculari partiti della destra e della sinistra, vorrebbero sempre più avere la possibilità di auto-rappresentarsi e di qui la richiesta di una democrazia sempre più diretta, partecipativa e referendaria.

Ecco dunque che il socialismo può rinascere da qui: non già dall’elettoralismo, ma dalle origini. Dalla lotta per la rappresentanza diretta dei ceti popolari e meno abbienti, capace di scardinare le élites oggi al governo in tutto l’Occidente attanagliato da una crisi endemica che genera disoccupazione, suicidi, disgregazione delle famiglie, insicurezza sociale e civile, immigrazione senza controllo e tutt’altro che positiva in quanto gli immigrati sono oggi costretti dal sistema capitalista e dalle politiche del Fondo Monetario Internazionale, a sradicarsi per approdare ad una realtà a loro estranea e ad entrare nel circolo vizioso dello sfruttamento.

Ecco dunque, a parer mio, la necessità della rinascita di un socialismo né di destra né di sinistra, ma unicamente dalla parte dei popoli e dei poveri, così come peraltro portato avanti da anni dalla francese Organizzazione Socialista Rivoluzionaria Europea (OSRE) che edita l’ottima rivista bimestrale “Rébellion” (http://rebellion-sre.fr/), di cui parlai in un altro articolo dell’estate scorsa (http://amoreeliberta.blogspot.it/2016/08/rebellion-e-lorganizzazione-socialista.html) ed alla quale sono orgogliosamente iscritto da due anni, avendo peraltro smesso da tempo di fare politica in Italia.

Un socialismo, dunque, autogestionario ed antitotalitario, ovvero anticapitalista, che faccia sventolare le bandiere dell’amore e della libertà!

Luca Bagatin (da http://www.amoreeliberta.blogspot.it)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...